LE POLIZZE INFORTUNI NON PAGANO !!!


Non è vero!!! Non pagano perché sono fatte male, perché il Consulente Assicurativo non ti ha spiegato bene il prodotto, a cosa serve la polizza infortuni, quando serve.
RICORDIAMOCI SEMPRE CHE LA “BONTA” DI UNA POLIZZA INFORTUNI LA VEDIAMO NEL MOMENTO DEL BISOGNO !!!

Es: anche in un piccolo tamponamento, oltre al risarcimento dalla Polizza RCA, RICORDATI , se hai una polizza infortuni, di chiedere il risarcimento per il danno ricevuto.

Quando fai, stipuli, una polizza Infortuni chiedi sempre al Consulente Assicurativo quanta FRANCHIGIA per l’Invalidità Permanente, o danno Biologico: questo è Molto Importante, direi essenziale perché dipende il pagamento o meno del danno!
Ad esempio:
I.P. Euro 100.000,00 il valore a punto di Invalidità Permanente è di euro 1.000,00.
Per un colpo di frusta standard con una valutazione medico legale di 2,5% di I.P. la somma che deve essere risarcita dall’Assicurazione è di euro 2.500,00.
Facciamo un po’ i conti e “mutatis mutandis” (ndr. Cambiato ciò che deve essere cambiato) le POLIZZE DI ASSICURAZIONE INFORTUNI PAGANO SEMPRE!!!
DEVONO PERO’ ESSERE FATTE BENE, con COMPETENZA e PROFESSIONALITA’.

desideri saperne di più: Alessandro Cesaro

Etichette: ,

mercoledì 30 luglio 2008
Inserito da: Alessandro Cesaro, 11.21 | Link | 0 Commenti |

Navigatori satellitari provocano incidenti

Un sondaggio rivolto agli automobilisti della Gran Bretagna mette in risalto l'aspetto negativo dell'uso del satellitare in macchina. Una stima di 300 mila incidenti d'auto, secondo le statistiche ricercate dalla compagnia assicurativa Direct Line.
Non è tanto la distrazione degli automobilisti, quanto il rischio frequente di indicazioni sbagliate date proprio dal sistema GPS.

Un'alta percentuale di guidatori denunciano di essersi trovati a svolgere pericolose manovre suggerite dal navigatore, la più frequente quella d'imboccare strade contromano quando a senso unico.
Satellitari "impazziti" da non seguire senza il buon senso, è sempre raccomandabile controllare se le indicazioni date dal navigatore non siano contro a quelle stradali.
La sicurezza non deve venire meno!

Etichette: ,

martedì 29 luglio 2008
Inserito da: Simona, 21.30 | Link | 0 Commenti |

Guide per risparmiare su tutto, anche sulle assicurazioni rc auto

Risparmiare sulle assicurazioni rc auto in italia
La redazione di Assicurazione Auto Online vi segnala un sito molto utile.

"Risparmiare-risparmiando.com" - Sito ricco di informazioni sul risparmio, con alcune pagine dedicate al risparmio sull' assicurazione auto.

Inoltre il sito dispone di una notevole sezione dedicata alle offerte di prodotti bancari come mutui e conti correnti.

Vi invitiamo quindi a visitare Risparmiare-risparmiando.com, Buona navigazione!

Etichette:

lunedì 28 luglio 2008
Inserito da: Admin, 08.49 | Link | 0 Commenti |

Accordo tra Associazioni dei consumatori ed Unipol

In questi giorni, è stato siglato un nuovo accordo tra Associazioni dei consumatori e Unipol Gruppo Finanziario. Dopo il “Patto per i giovani”,(articolo del 02/07) siglato tra Associazioni dei consumatori, Polizia Stradale e ANIA, un'altra iniziativa a favore dei giovani guidatori e neo patentati per diminuire i costi delle polizze RC Auto.
Lo riferisce Lorenzo Mozza, presidente del Movimento Consumatori, che in un comunicato spiega che l’intesa accresce significativamente, ai sinistri a cui si applica la procedura dell’indennizzo diretto ed ai sinistri la cui richiesta di risarcimento non superi i cinquantamila euro, l’attuazione delle procedure di conciliazione.
L’accesso a questa procedura e’ assai facile; la domanda può essere presentata da tutti gli assicurati rivolgendosi ad una delle Associazioni di Consumatori firmatarie dell’accordo, senza alcun tipo di costo. Ricevuta la domanda, la commissione di conciliazione si riunirà per valutare la richiesta entro 20 giorni dalla ricezione. Se il tentativo di conciliazione viene concesso, l’assicurato ne viene informato dopodiché si darà corso alla transazione.
Young Unibox, proposta da Unipol, include, senza costi di acquisto, un dispositivo elettronico per la sicurezza degli utenti e per polizze RC Auto convenienti e personalizzate. Inoltre, offre un sistema completo per la sicurezza del guidatore e del veicolo.
Se si attivano le specifiche garanzie, in caso di incidente permette di:
  • localizzare velocemente il veicolo dopo la denuncia del furto;

  • lanciare un allarme alla centrale operativa per l'invio dei mezzi di soccorso;

  • ricostruire la dinamica dell'evento e tutelare così l'assicurato coinvolto da altri automobilisti in falsi incidenti;

  • disporre di carro attrezzi e auto sostitutiva.

Etichette:

giovedì 24 luglio 2008
Inserito da: Cristiano, 21.12 | Link | 0 Commenti |

Ancora pesanti accuse da parte di Federconsumatori nei confronti di ANIA

Il presidente dell’ANIA, Fabio Cerchiai, sostiene che ci sono complotti e pregiudizi nei confronti delle compagnie assicurative, ma l’associazione dei consumatori risponde facendo notare le centinaia di lamentele, reclami e segnalazioni ricevute, anche l’ISVAP, Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo, afferma che sono stati registrati pesanti rincari.
Secondo l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori, le polizze aumentate maggiormente sono quelle rivolte ai cinquantenni, con rincari che hanno toccato addirittura la soglia del 30%, mentre quelle per i neopatentati sono aumentate del 5-7%.
Questi rincari sono “estremamente gravi”, riferisce l’associazione, specialmente a seguito dell’introduzione dell’indennizzo diretto e dell’agente plurimandatario che avrebbero dovuto favorire la diminuzione delle tariffe e la concorrenza.
Infatti, il risarcimento mediante indennizzo diretto prospettava una diminuzione delle tariffe RC Auto circa del 10-15%, pari a 150€ annui, mentre l’ istituzione dell’agente plurimandatario avrebbe dovuto aumentare la concorrenza, quindi gli utenti beneficiare di tariffe di miglior qualità e prezzo.
“Questi risparmi - denuncia Federconsumatori - non si sono verificati, al contrario, i dati in nostre mani rinnovano la pessima tendenza delle tariffe RC Auto che dal 1996 ha fatto segnare un vorticoso incremento del 145%. Il calo delle tariffe RC Auto e’ una tema fondamentale, che deve essere affrontato con urgenza, ed a cui deve seguire una diminuzione come minimo del 10-15%. Per i giovani, le tariffe dovrebbero diminuire circa del 33%, a seguito del “Patto per i giovani” (vedi ns. art. 02/07) concordato con ANIA.”

Etichette:

mercoledì 23 luglio 2008
Inserito da: Cristiano, 13.52 | Link | 0 Commenti |

Definire incidenti stradali all’estero o con veicoli esteri

Durante le vacanze, purtroppo, possono accadere spiaceli inconvenienti, soprattutto in auto e all'estero, vi forniamo una piccola guida molto utile per ovviare alla difficile burocrazia che andiamo ad incontrare in questi casi.

Incidenti in Italia con veicoli esteri.
Se sei rimasto vittima di un incidente stradale provocato in Italia da un veicolo immatricolato all’estero, per richiedere il risarcimento dei danni subiti occorre inviare una richiesta di risarcimento con raccomandata a.r. all’Ufficio Centrale Italiano, al seguente indirizzo:
UCI - corso Sempione, 39 - 20145 Milano
Per ulteriori informazioni su questo punto, consulta il sito internet UCI all’indirizzo http://www.ucimi.it/

Incidenti all’estero con veicoli esteri.
Se durante un viaggio all’estero, in uno dei Paesi del Sistema Carta Verde, sei rimasto vittima di un incidente stradale provocato da un veicolo immatricolato e assicurato in uno degli Stati dello Spazio Economico Europeo, per richiedere il risarcimento dei danni subiti puoi inviare una richiesta di risarcimento con raccomandata a.r. al rappresentante nominato in Italia dalla compagnia assicuratrice del responsabile del sinistro.
Per conoscere nome e indirizzo di tale rappresentante (“mandatario”), invia apposita richiesta al Centro di Informazione italiano costituito presso l’ISVAP, all’indirizzo:

ISVAP - Centro di Informazione - via del Quirinale, 21
00187 Roma - fax 06. 42.133.730
e-mail: centroinformazioni@isvap.it
indicando in modo chiaro tutti gli elementi utili a risalire ai soggetti interessati, come ad esempio data e luogo di accadimento del sinistro ed estremi dei veicoli coinvolti (targa del veicolo responsabile del sinistro, nazionalità, impresa di assicurazione del veicolo responsabile del sinistro, se nota).

Elenco dei Paesi aderenti al sistema: Albania; Andorra; Austria; Belgio; Bielorussia; Bosnia Erzegovina; Bulgaria; Repubblica Ceca; Cipro; Croazia; Danimarca; Estonia; Finlandia; Francia; F.Y.R.O.M. (ex Repubblica Jugoslava della Macedonia); Germania; Grecia; Iran; Irlanda; Islanda; Israele; Italia; Lituania; Lettonia; Lussemburgo; Malta; Marocco; Moldavia; Norvegia; Paesi Bassi; Polonia; Portogallo; Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda del Nord; Romania; Serbia e Montenegro; Repubblica Slovacca; Slovenia; Spagna; Svezia; Svizzera; Tunisia; Turchia; Ucraina; Ungheria.
Paesi membri dell’Unione Europea oltre a Norvegia, Islanda, Liechtenstein.


Etichette:

martedì 22 luglio 2008
Inserito da: Cristiano, 20.39 | Link | 0 Commenti |

L'Ania propone di istituire una task antifrodi

Per combattere le frodi in modo efficace, l’associazione delle compagnia assicurative (Ania), sostiene che non servono grandi capitali. L’ideale sarebbe una struttura composta da una dozzina di professionisti, che racchiuda in se’ le capacita’ tipiche dell’analisi di banche dati di grandi dimensioni, raccogliendo e incrociando le informazioni presenti in vari archivi con quelle proprie dell’attivita’ investigativa, nel rispetto della riservatezza e della protezione dei dati personali. Alcune attivita’ concrete per individuare possibili casi fraudolenti sono semplici e consistono, ad esempio, nel verificare se un dato nominativo ricorra, anche in vesti diverse (a volte come conducente, a volte come danneggiato, a volte come testimone), in una molteplicita’ di sinistri con diverse compagnie assicurative in un tot periodo di tempo oppure nel riscontrare altri collegamenti relativi alle circostanze dei sinistri stessi. Altra utile attivita’ e’ quella di controllo, anche attraverso sistemi di informazioni incrociate consultabili dalle Forze dell’ordine tramite web, l’autenticita’ dei certificati di assicurazione degli autoveicoli: infatti, e’ frequente l’utilizzo di falsi certificati per sviare l’obbligo assicurativo con il conseguente aggravio di costi per il Fondo di garanzia per le vittime della strada e, non ultimo , per gli onesti cittadini assicurati realmente.
Data l’importanza di una tale iniziativa, sia dal punto di vista sociale sia da quello piu’ strettamente industriale, ha sottolineato Galli, il settore assicurativo si e’ gia’ dichiarato disposto a finanziare la nuova struttura, nonche’ a mettere a disposizione le proprie capacita’ tecniche e informative per la sua realizzazione. In Italia, a livello pubblico, alcuni dati e informazioni esistono gia’: la banca dati sinistri r.c. auto presso l’Isvap e il Casellario Centrale Infortuni presso l’Inail. Non occorre modificarne la collocazione istituzionale, ma piuttosto valorizzarne ulteriormente le potenzialita’.

Etichette:

lunedì 21 luglio 2008
Inserito da: Cristiano, 20.05 | Link | 1 Commenti |

Cosa sono le clausole di franchigia, esclusione e rivalsa?

La clausola di franchigia è una condizione contrattuale in base alla quale una parte del costo del sinistro liquidato dall’impresa al terzo resta a carico del contraente, il quale dovrà quindi restituirla alla compagnia, usufruendo per questo di un premio inferiore.
Al fine di rendere più agevole il recupero della franchigia da parte dell’impresa, può essere prevista la clausola di franchigia a recupero garantito, in base alla quale l’assicuratore può legittimamente proporre al contraente, in abbinamento al contratto r.c. auto, altri contratti assicurativi, bancari o finanziari, con i quali si garantisce, allorchè paghi un sinistro alla controparte, il recupero della parte di risarcimento (franchigia) a carico del proprio assicurato.
Le clausole di esclusione e rivalsa sono condizioni contrattuali che limitano o escludono la copertura del rischio e quindi il risarcimento in caso di sinistro.
In presenza di tali limiti la compagnia è comunque obbligata a liquidare un eventuale sinistro al danneggiato ma ha diritto di rivalersi sul contraente, cioè di chiedergli la restituzione totale o parziale di quanto pagato.
I casi di esclusione indicati dalle compagnie sono gli incidenti provocati dal conducente in stato di ebbrezza o sotto effetto di sostanze stupefacenti ovvero la guida senza patente.
Ci sono compagnie che presentano anche polizze nelle quali la copertura è limitata al solo caso
di conducenti identificati nel contratto: quindi se l’incidente è provocato da un conducente diverso da quello indicato in contratto, la compagnia ha diritto di rivalsa verso il contraente per l’importo pagato al danneggiato.

Etichette:

domenica 20 luglio 2008
Inserito da: Cristiano, 17.22 | Link | 0 Commenti |

Chiedere un prestito su polizza



Il prestito su polizza, quando previsto dal contratto di assicurazione vita, generalmente non viene regolamentato, pertanto per conoscere le effettive condizioni dello stesso deve essere effettuata una esplicita richiesta all’impresa.

Il prestito viene erogato per un importo non superiore al valore di riscatto.

Ricorda che è una operazione che presenta dei costi e pertanto fatti indicare per iscritto il tasso d’interesse che viene applicato al prestito e le modalità di rimborso del prestito e di corresponsione degli interessi.

Per maggiori informazioni sulle polizze vita ed infortunio consultate....
Decesso
Polizze Assicurazioni
Assicurazione Malattia

Etichette:

sabato 19 luglio 2008
Inserito da: Cristiano, 19.02 | Link | 0 Commenti |

Chiedere la trasformazione del contratto di polizza vita

La trasformazione del contratto già in vigore consiste nella modifica di alcuni suoi elementi quali, ad esempio, la durata, il tipo di rischio assicurato e le modalità di pagamento del premio.
La trasformazione può essere di fatto attuata anche mediante riscatto di un precedente contratto e sottoscrizione di una nuova proposta.
L’operazione di trasformazione non è regolamentata nel contratto di assicurazione, pertanto le relative condizioni vengono, di volta in volta, concordate con l’impresa che deve consegnare un documento informativo, nel quale sono poste a confronto le caratteristiche del nuovo contratto con quelle del precedente.
Prima di richiedere una trasformazione del contratto o di decidere sulla proposta di trasformazione che ti viene formulata, valuta attentamente le diverse caratteristiche del vecchio e del nuovo contratto.
Presta particolare attenzione alle modifiche relative ad eventuali garanzie di restituzione del capitale e/o di rendimento minimo, alla durata contrattuale, alle modalità di esercizio del diritto di riscatto ed alle modalità di impiego delle somme derivanti dal contratto trasformato.
Nel contratto derivante dalla trasformazione debbono essere indicati chiaramente gli elementi essenziali del contratto trasformato.

Etichette:


Inserito da: Cristiano, 18.49 | Link | 0 Commenti |

Denunciare un sinistro

Ricorda che hai l’obbligo di informare per iscritto il tuo assicuratore nel caso tu abbia subito o provocato un incidente stradale. A tal proposito la compilazione del modulo di denuncia (modulo blu di constatazione amichevole) e la consegna al tuo assicuratore adempie agevolmente a tale obbligo.
È quindi tuo interesse informare la compagnia assicuratrice anche nel caso tu ritenga di non avere responsabilità (denuncia cautelativa). In base al contratto r.c. auto la compagnia è titolare della gestione della lite, può cioè procedere, in caso di sinistro non rientrante nella procedura di indennizzo diretto, alla trattazione con la controparte, in presenza di una richiesta di risarcimento.
Nel caso in cui la compagnia effettui un pagamento anche solo per concorso di colpa ovvero semplicemente accantoni, come impone la legge, una somma per far fronte all’eventuale futuro risarcimento di un danno, in caso di tariffa bonus malus scatta automaticamente, alla prima scadenza annua successiva, il “malus” con conseguente maggiorazione del premio.
Se il danno che aveva fatto scattare il “malus” non verrà poi risarcito ed il sinistro sarà eliminato come “senza seguito”, l’assicuratore deve prevedere nelle condizioni le modalità per il rimborso del maggior premio pagato, riattribuire la corretta classe di merito e inviare al domicilio del contraente l’attestato rettificato, anche se questi nel frattempo ha cambiato compagnia.

Etichette:

venerdì 18 luglio 2008
Inserito da: Cristiano, 15.27 | Link | 0 Commenti |

Qual è il periodo di validità dell’attestato di rischio?

L’attestato di rischio ha validità di 12 mesi dalla scadenza del relativo contratto, ovvero di 18 mesi a condizione che il contraente dichiari ai sensi e per gli effetti degli artt. 1892 e 1893 c.c. di non aver circolato dopo la scadenza.
Nei casi di furto, demolizione o cessazione definitiva della circolazione di un veicolo, avvenuti in corso di contratto e prima della conclusione del periodo di osservazione, quando cioè l’assicuratore non è ancora tenuto a trasmettere l’attestato relativo all’annualità in corso, la validità dell’attestato (evidentemente di quello inviato al contraente alla precedente scadenza contrattuale) è di 12 mesi dalla data del furto, demolizione o cessazione definitiva della circolazione.
Nei casi di vendita, esportazione definitiva e consegna in conto vendita avvenuti in corso di contratto e prima della conclusione del periodo di osservazione, con conseguente indisponibilità dell’attestato concernente l’annualità in corso, il termine di validità dell’attestato (quello già rilasciato e relativo alla precedente annualità) rimane di 12 mesi dalla scadenza del contratto (relativo all’anno precedente).
Nei casi di deterioramento, smarrimento o mancato pervenimento dell’attestato, il contraente (o, se persona diversa, il proprietario, l’usufruttuario, l’acquirente del veicolo a rate o l’utilizzatore in leasing) può richiedere all’assicuratore il rilascio di un duplicato entro 15 giorni, senza applicazione di costi.
Il duplicato può essere rilasciato anche a persona delegata, purchè munita di delega scritta espressamente rilasciatagli dall’avente diritto e di copia di valido documento di riconoscimento di quest’ultimo.

Etichette:

mercoledì 16 luglio 2008
Inserito da: Cristiano, 11.34 | Link | 0 Commenti |

Quali intermediari intervengono nel contratto di assicurazione sulla vita?

Il collocamento di un contratto di assicurazione sulla vita avviene prevalentemente attraverso intermediari assicurativi iscritti nel Registro unico degli intermediari (agenti, broker, produttori diretti, intermediari finanziari, Sim, banche, uffici postali, addetti all’attività di intermediazione, quali subagenti, produttori e collaboratori, che operano per conto di un intermediario al di fuori dei locali di quest’ultimo) oppure attraverso addetti all’attività di intermediazione non iscritti nel Registro, operanti all’interno dei locali di un intermediario iscritto.
Verifica che l’intermediario sia iscritto in una delle apposite sezioni del Registro unico, puoi consultare tale registro tramite l'Isvap, dove sono menzionati tutte le figure qualificate per operare in questo ambito.
Prima di sottoscrivere un contratto di assicurazione, verifica sempre la qualifica professionale dell’intermediario per conoscere quale sia il rapporto con l’impresa che offre la prestazione.

Etichette:

martedì 15 luglio 2008
Inserito da: Cristiano, 13.38 | Link | 0 Commenti |

Qual è il documento che attesta l’avvenuto pagamento del premio assicurativo?

Il premio assicurativo può essere generalmente pagato con diverse modalità.

Ricorda che il pagamento del premio può avvenire con assegno bancario, postale o circolare, munito della clausola di non trasferibilità, intestato o girato all’impresa, oppure intestato all’intermediario espressamente in tale qualità, ovvero con ordini di bonifico, altri mezzi di pagamento bancario o postale, sistemi di pagamento elettronico, che abbiano come beneficiario uno dei suddetti soggetti.

È consentito pagare il premio assicurativo in contanti solo per importi fino a cinquecento euro annui per ciascun contratto: in tal caso pretendi il contestuale rilascio della quietanza firmata.


Per saperne di più consultate la guida tematica gratuita Guida assicurazioni.

Etichette:

sabato 12 luglio 2008
Inserito da: Cristiano, 18.06 | Link | 0 Commenti |

Le vacanze... richiedono attenzione

Giusto godersi appieno le proprie vacanze, ma per questo - prima di partire - è consigliabile valutare e organizzare alcune cose. Tra queste la propria sicurezza.

Per esempio, nel contratto dei vari "pacchetti" offerti dalle agenzie turistiche dev'essere presente [da D.Lgs. n°111/95] la nota riferita ai propri mezzi di trasporto e l'eventuale assicurazione auto richiesta e/o offerta.
Ovvio dev'essere il controllo dei propri documenti prima di mettersi in viaggio, sia per quanto riguarda le condizioni fisiche del veicolo, che la documentazione assicurativa. Se la vacanza rimane nel territorio della Comunità Europea è necessario richiedere, alla propria compagnia di assicurazioni, la Carta Verde. Mentre per chi decidesse di oltrepassare il confine europeo è consigliabile informarsi sempre presso la propria agenzia assicurativa, oppure a enti dedicati al soccorso stradale.

Oltre alla copertura del veicolo a seguito, dovranno essere specificate tutte le informazioni riguardanti la copertura sanitaria con l'eventuale accesso a una polizza assicurativa supplementare.

Etichette: ,


Inserito da: Simona, 17.38 | Link | 0 Commenti |

Mantenere le stesse pensioni dei nostri genitori? Una soluzione c'e'!!! di Monica Dalla Monta'


Ma si deve sacrificare una parte della liquidazione/stipendio… attraverso una Pensione Integrativa.
Dal 1^ Gennaio 2007 è stato introdotto il meccanismo del silenzio-assenso, che consisteva nel trasferimento della liquidazione dei lavoratori in un fondo pensione se non avessero dichiarato di tenersela entro il 30 Giugno 2007.

Ad oggi, questa regola vale per ogni neo-assunto, che ha sei mesi di tempo per l'opzione. Comunque, in ogni caso ogni lavoratore può decidere, in qualunque momento se destinare una parte del TFR ad una previdenza complementare.
I fondi pensione rappresentano il secondo pilastro della pensione.
Esistono tre pilastri pensionistici:
- il 1^ pilastro è rappresentato dalla pensione pubblica (INPS);
- il 2^ pilastro è rappresentato dai fondi pensione di categoria (chiamati anche chiusi) e dai i fondi pensioni aperti (gestiti da banche e assicurazioni);
- mentre il 3^ pilastro è rappresentato dalle polizze assicurative.
I fondi pensione (che fanno parte del secondo pilastro) sono stati istituti per garantire ai lavoratori (dipendenti e non), un trattamento previdenziale complementare a quello erogato dall’ INPS.
Il fondo pensione si alimenta con:
- un contributo a carico del lavoratore;
- un contributo a carico dell’azienda;
- la liquidazione (per chi ha iniziato a lavorare prima del 28 Aprile ‘93 solo una parte del Tfr mentre, per chi ha iniziato a lavorare dopo tale data è prevista l’integrale destinazione del Tfr).
In sostanza,l’elemento su cui regge il Fondo Pensione è la destinazione della liquidazione per potere beneficiare di un trattamento pensionistico integrativo.
Si ricorda inoltre, che l’ apertura di un fondo pensione è incentivato dalle agevolazioni fiscali sia per il lavoratore sia per l’ azienda.

Se desideri un consulto gratuito riguardante Investimenti e Protezione Finanziaria contatta Monica Dalla Montà www.alessandrocesaro.it/pagine.asp?idp=112

Etichette:

venerdì 11 luglio 2008
Inserito da: Alessandro Cesaro, 19.28 | Link | 0 Commenti |

Come accertarsi che la compagnia di assicurazione è autorizzata?

Il settore assicurativo è sottoposto a controlli previsti dalla legge e le imprese di assicurazione,per poter operare, devono essere dotate di specifica autorizzazione.
Verifica sempre che la denominazione della compagnia corrisponda ad una impresa autorizzata all’esercizio del ramo r.c. auto: al riguardo puoi consultare gli elenchi delle imprese di assicurazione italiane ed estere abilitate ad operare in Italia sul sito internet dell’ISVAP.
Il Codice delle assicurazioni prevede l’istituzione dell’Albo delle imprese entro la fine del 2007.
Qualora la scelta ricada su una società estera appartenente all’Unione Europea, occorre tener presente che la legislazione applicabile al contratto, che deve essere indicata nella nota informativa, può non essere quella italiana.
Tuttavia le disposizioni specifiche stabilite dalla legge italiana in materia di r.c. auto prevalgono su quelle della legge straniera applicabile al contratto. Se il contratto è stipulato tramite tecnica di comunicazione a distanza (es. internet), al consumatore deve essere comunque riconosciuta la tutela prevista dalla legge italiana in materia di informativa precontrattuale per i contratti stipulati attraverso questa particolare tecnica.

Etichette:


Inserito da: Cristiano, 13.11 | Link | 0 Commenti |

Come scegliere la copertura migliore

Innanzitutto effettua alcuni confronti.

Nei punti vendita delle imprese possibile ottenere preventivi personalizzati, gratuiti e vincolanti per le imprese che li forniscono, per almeno 60 giorni e per l’intero territorio nazionale. Prendi visione della documentazione necessaria ad effettuare la valutazione complessiva del prodotto per confrontarlo con le altre proposte presenti sul mercato.

Se non vuoi o non puoi muoverti da casa consulta la guida pratica: sotto la voce “Guida assicurazione o Preventivi RCA” troverai i link ai siti di tutte le compagnie assicurative autorizzate ad operare sul mercato italiano, dove potrai verificare, in relazione alle caratteristiche del tuo veicolo ed agli altri parametri di personalizzazione adottati da ciascuna compagnia, il prezzo e le condizioni praticate.

Ricorda che le imprese esercenti la r.c. auto sono tenute ad accettare la tua richiesta di copertura assicurativa obbligatoria.

Etichette:


Inserito da: Cristiano, 12.51 | Link | 0 Commenti |

Cosa è bene sapere prima di sottoscrivere un contratto r.c. auto?

Le coperture r.c. auto non sono tutte uguali.

Presso le sedi delle società e con rapide consultazioni dei relativi siti internet, dove sono pubblicate nota informativa e condizioni contrattuali, puoi trovare il contratto più adatto alle tue esigenze.

La valutazione della convenienza del prodotto va effettuata tenendo conto non solo del premio di tariffa ma anche dei massimali di garanzia r.c. auto e delle condizioni contrattuali, con particolare riferimento alle clausole di franchigia, esclusione e rivalsa.

Presta attenzione alle garanzie accessorie alla r.c. auto quali le garanzie incendio, furto, atti vandalici, tutela giudiziaria, assistenza, ecc., che sono oggetto di tariffazione e tassazione separate dalla r.c.auto, anche se solitamente prestate insieme ad essa.

Qualora previste, è facoltà dell’assicuratore inserire nella comunicazione che deve trasmettere al contraente almeno 30 giorni prima della scadenza annuale del contratto, una tabella riportante le
garanzie accessorie (Furto, Incendio, Cristalli, Assistenza) con indicazione per ognuna di esse del premio e del massimale relativi sia all’annualità precedente che all’annualità in corso.

Etichette:

giovedì 10 luglio 2008
Inserito da: Cristiano, 12.48 | Link | 0 Commenti |

Assicurazioni: Più tasse anche per il ramo vita

Le compagnie del ramo vita inserite con un emendamento nella stretta fiscale. Aumentato dello 0,09% il prelievo sulle riserve.

Anche Mediolanum e Alleanza finiscono nel mirino del ministro dell'economia Giulio Tremonti. Perché con la prima versione della manovra, che colpiva solo le compagnie assicurative che operano nel ramo danni, il governo probabilmente non avrebbe ottenuto le risorse sperate.

Il prelievo applicabile alle riserve matematiche dei rami vita salira' dallo 0,3 allo 0,35% (piu' 0,050). Lo prevede l'emendamento del Governo al Dl con la manovra a 'completamento', dice la relazione, dell'intervento avviato sul comparto assicurazioni.

Solo per il 2008 l'aliquota salira' allo 0,39%. Si prevede, a titolo di acconto, il versamento a novembre di una imposta pari allo 0,050 delle riserve matematiche iscritte nel bilancio del periodo d'imposta 2007.

Etichette:

mercoledì 9 luglio 2008
Inserito da: Cristiano, 12.14 | Link | 0 Commenti |

Assicurazioni Usa: La speculazione climatica

Secondo un recente modello matematico messo a punto negli Stati Uniti i cambiamenti climatici costituiscono una variabile che incide in maniera determinante sui prezzi delle polizze assicurative. Il nesso tra eventi estremi e global warming però non è stato ancora verificato nè dimostrato, questo è stato detto da Karen Clark, proprio colei che ha messo a punto tale modello, dopo che le compagnie assicuratrici negli USA hanno raddoppiato i prezzi delle polizze sugli immobili che sono situati in quelle località a rischio (località nere) menzionate nel modello.

Questi rischi comprendono uragani, inondazioni, tifoni, insomma tutte le calamità climatiche che ormai si abbattono repentinamente sulle località della West Coast, che si stanno spopolando perchè le famiglie non riescono più a reggere il continuo aumento dei costi, compreso quello dei mutui.

Ma c'è da giurarci che anche quelle nostrane tra non molto, vista anche la recente ricorrenza di nubifragi, troveranno il modo per ritoccare al rialzo le polizze riguardanti le calamità naturali.

Etichette:

martedì 8 luglio 2008
Inserito da: Cristiano, 12.51 | Link | 0 Commenti |

L'assicurazione polacca PZU cerca espansione all'estero

Secondo indiscrezioni riportate dal Budapest Business Journal, l'assicurazione polacca PZU intende spendere fino a 4,7 miliardi di dollari per ampliare il mercato anche all'estero, esso riguarderà i mercati della Russia e dell´Ucraina.

Un contenzioso con l´olandese Eureko (che possiede 1/3 di PZU, mentre l'altro 66% è dello Stato polacco) ha impedito nei decenni passati l´espansione nei mercati al di fuori della Polonia, dove domina il mercato assicurativo ma sta perdendo terreno a causa della crescente competizione.

Mantenere la leader ship in questo paese sarebbe impossibile senza un allargamento dell'azienda in altri paesi, afferma Andrzej Klesyk il CEO dell´azienda.

Il gruppo polacco, che possiede 25 miliardi di dollari di assets, punta ai mercati ucraino e russo, dopo aver perso le opportunità nei mercati più sviluppati dell´Ungheria e della Repubblica Ceca. Il contenzioso presso la corte di arbitrato internazionale, tra lo Stato polacco e la Eureko (dovuto al mancato rispetto, da parte del governo, della promessa di cedere il controllo della PZU al gruppo olandese), è tuttora in corso.

Etichette:


Inserito da: Cristiano, 12.23 | Link | 0 Commenti |

RISPARMIO....DOPPIA OPPORTUNITA'


Non ho perso un attimo nel condividere un nuovo Prodotto finanziario con tutte le caratteristiche base assicurative: impignorabilità, insequestrabilità.
Ma con una buon vantaggio per il Risparmiatore: il 5,40% annuo lordo per i primi tre anni. AXA DOPPIA OPPORTUNITA' di cui allego di seguito la scheda tecnica.
In questo panorama finanziario di incertezza generale, di incertezza finanziaria e di poco entusiasmo; questo prodotto rema contro corrente.
Lo puoi trovare dai tuoi Consulenti e dagli Agenti Generali di AXA ASSICURAZIONI.
Ricordiamoci sempre di contattare consulenti di fiducia e con eccellenza nel proprio mestiere, che siano chiari nelL' esposizione, orientati alla soddisfazione del Cliente.
Attenzione, da non sottovalutare: il collocamento di questo prodotto scade il 15 Settembre 2008.

Etichette: ,

domenica 6 luglio 2008
Inserito da: Alessandro Cesaro, 13.39 | Link | 0 Commenti |

LACRIME DI COCCODRILLO......

Le Compagnie di Assicurazione sono Grandiose!!!
Riescono perfino a sostenere di non avere marginalità (leggasi Guadagno finale), di non avere margini operativi, di avere un costo a sinistro molto elevato.
Hanno dei canali di comunicazione favolosi!!! Non crediamo a ciò, nel primo semestre 2008 i sinistri stradali sono calati del 22%!!!!
Il costo medio, comprese lesioni è di euro 1400,00 a sinistro....(una miseria)!!!
Grandi i pochi danneggiati che ottengono il giusto Risarcimento per un colpo di frusta (circa 5000,00 euro) vuol dire che si sono curati e tengono alla loro salute.
Anni di "Pianti Assicurativi" per non voler abbassare le tariffe, ma voler abbassare solo i Risarcimenti.

Etichette: ,

sabato 5 luglio 2008
Inserito da: Alessandro Cesaro, 01.53 | Link | 0 Commenti |

La polizza sulla vita

Solitamente la polizza sulla vita viene scelta dal capofamiglia che, in caso di morte prematura, assicura una rendita ai suoi famigliari.
Ma come funziona?
Le polizze vita rientrano nella categoria delle assicurazioni vita, in pratica a fronte del pagamento di un premio, l’assicurazione si impegna a corrispondere un capitale in caso di morte dell’assicurato.
Bisogna però considerare che queste polizze hanno una durata, solitamente tra i 15 ed i 20 anni, e se il decesso non avviene in questo arco temporale, l’assicurazione trattiene i remi pagati.
Quindi perché conviene?
Sappiamo tutti che molte famiglie, al giorno d’oggi, vengono sostenute da un solo reddito, solitamente, infatti è il capofamiglia che lavora e mantiene l’intera famiglia. Se un padre, ancora giovane, non ha maturato il diritto alla pensione, può prendere in considerazione questo tipo di polizza per garantire una rendita al coniuge ed ai figli.
Ma quanto investire?
Naturalmente l’importo varia da famiglia a famiglia, a seconda della disponibilità economica. Bisogna , infatti, tenere in considerazione alcune voci come eventuali spese mediche (es. dentista), il mantenimento degli studi del figlio, tenendo presente che in genere un giovane raggiunge l’indipendenza economica a 25 anni circa.
venerdì 4 luglio 2008
Inserito da: Cristiano, 23.05 | Link | 0 Commenti |

Truffe alle assicurazioni: statistiche degli ultimi tre anni

Nel corso dell’Assemblea annuale dell’ANIA sono stati diffusi i dati relativi ai casi di truffe a carico delle Assicurazioni, registrate in Italia, divise per zone. Nel dettaglio, nel 2004 il totale degli incidenti fraudolenti era circa 93.800 (il 2,91% del totale), nel 2006 il 2,81% e nel 2007 sono leggermente diminuiti arrivando al 2,77%.
Non si smentisce la Campania che, come negli ultimi tre anni, fa segnare il record di frodi nel settore del RC Auto, con una percentuale pari al 13% del totale, a Napoli la percentuale sale addirittura al 16%, un sinistro su sei, seguono Puglia e Calabria.
Nel meridione, le percentuali di frodi hanno inciso nel 2004 per l'8,43%, nel 2005 l’8,31%, mentre nel 2006 l’8,11%.
Il nord risulta, invece, la zona del paese in cui si sono verificati in misura minore sinistri legati a imbrogli o che hanno subito speculazioni sui valori dei danni, le percentuali incidono tutte al di sotto dell’1% del totale. Solo in Liguria si registrano percentuali simili alla media nazionale.
Nel 2008 la raccolta premi globale delle assicurazioni italiane farà segnare un calo del 4,3% rispetto all’anno precedente, la prima volta in 39 anni, da quando è divenuta obbligatoria l' RC Auto, in cui si registra un dato negativo.
Il presidente dell’ANIA, Fabio Cerchiai, stima infatti che nel 2008 si potrebbe registrare un calo nel tasso di riduzione dei premi dell'assicurazione vita. All’abbassamento dei premi dei prodotti assicurativi finanziari si assocerà un aumento del 6% dei premi relativi alle polizze tradizionali. Nel ramo RC Auto, invece, la situazione dovrebbe rimanere stazionaria.

Etichette:

giovedì 3 luglio 2008
Inserito da: Cristiano, 23.57 | Link | 0 Commenti |

Assicurazioni: Il nuovo "Patto per i giovani"

Patto per i giovani, cosi si chiama il nuovo patto realizzato da Ania, Polizia Stradale, Acu, Adiconsum, Adoc, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva, Codacons, Codici, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori per abbassare i prezzi delle RC Auto.

Sono i guidatori più giovani quelli maggiormente coinvolti in gravi incidenti stradali, di conseguenza occorre premiare ed educare chi conduce il proprio veicolo in maniera sicura e nel rispetto del codice stradale.

Sicurezza e Responsabilità, queste le parole più importanti per tutti i neopatentati dai 18 ai 26 anni. L’Isvap (istituto per la vigilanza delle assicurazioni private e di interesse collettivo) ha fatto capire che il prezzo della RC Auto potrebbe ridursi del 5 - 10% grazie alla sottoscrizione di questo nuovo patto che mette in accordo le varie parti.

Etichette:

mercoledì 2 luglio 2008
Inserito da: Cristiano, 16.28 | Link | 0 Commenti |

RC Auto: Prezzi alle stelle dal 1996 ad oggi

In data odierna si è svolta l’assemblea annuale dell’ANIA dove l'Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha rilevato che dal 1996 ad oggi le polizze RC Auto sono aumentate del 145%. Nel 2007 si sono registrati aumenti fino al 7% per i neopatentati mentre le polizze per i cinquantenni hanno addirittura toccato punte del 30%.

L’ADOC, invece, sostiene che nell’ultimo anno si è verificato un incremento medio del 5% sulle RC Auto, mentre per le RC Moto si è registrato un aumento del 7%, con punte fino al 20%. Secondo l’ associazione «l'introduzione dell'indennizzo diretto, della patente a punti e dell'agente plurimandatario non ha prodotto l'auspicata diminuzione delle polizze».

Secondo le dichiarazioni di Fabio Cerchiai, presidente ANIA, i prezzi delle polizze RC Auto sono calati dell'11% negli ultimi tre anni. Dichiarando, inoltre, che un ulteriore riduzione «può avvenire solo a fronte di un calo dei costi o di una riduzione della tassazione, che peraltro è di 6 punti percentuali più elevata rispetto alla media europea».

Naturalmente i dati comunicati dal presidente Cerchiai dell’ANIA non concordano con quelli delle associazioni dei consumatori che sostengono di ricevere quotidianamente centinaia di segnalazioni, lamentele e reclami. Per quest'ultime le polizze, quest’anno, costeranno in media rispetto al duemilasette 60 € in più.

Etichette:


Inserito da: Cristiano, 00.28 | Link | 0 Commenti |