Le tariffe nei rami vita

I premi sono calcolati, per ciascuna nuova tariffa, sulla base di adeguate ipo­tesi attuariali che consentano all’impresa, mediante il ricorso ai premi ed ai relativi proventi, di far fronte ai costi e alle obbligazioni assunte nei confron­ti degli assicurati e, in particolare, di costituire per i singoli contratti le riser­ve tecniche necessarie. A tal fine, può essere presa in considerazione la situazione patrimoniale e finànziaria dell’impresa, ma non possono essere impìe­gate in modo sistematico e permanente risorse che non derivano dai premi pagati.
L’ ISVAP determina, con regolamento, per tutti i contratti da stipulare che pre­vedono una garanzia di tasso di interesse, un tasso di interesse massimo, che non può superare il 60% del tasso medio dei prestiti obbligazionari dello Stato. L’ISVAP, in deroga a tale tetto massimo, può stabilire nel regolamento, per specifiche categorie di contratti, valori diversi del tasso massimo di interesse. Può inoltre stabilire limiti particolari per i contratti a premio unico o di rendita vitalizia immediata senza facoltà di riscatto, per i quali gli impegni trovino copertura nei corrispondenti cespiti dell’attivo. In caso di deroga, l’impresa può scegliere il tasso di interesse prudenziale da adottare, tenendo conto della moneta in cui è espresso il contratto e degli attivi corrispondenti. In nessun caso il tasso di interesse utilizzato può essere più elevato del rendimento degli attivi a copertura, calcolato tenendo conto dei principi contabili in vigore, pre­via opportuna deduzione. La valutazionè delle ipotesi poste a base del calcolo dei premi spetta all’attuario e forma oggetto di una relazione tecnica da conservare presso l’impresa.
Il bilancio dell’impresa che esercita i rami vita è trasmesso all’ISVAP insieme ad una relazione tecnica nella quale l’attuario incaricato:
— descrive analiticamente i procedimenti seguiti e le valutazioni operate, con riferimento alle basi tecniche adottate, per il calcolo delle riserve tecniche, con specifica evidenza delle eventuali valutazioni implicite e delle relative motivazioni;
— attesta la correttezza dei procedimenti seguiti;
— riferisce sui controlli operati in ordine alle procedure impiegate per il calco­lo delle riserve e per la corretta rilevazione del portafoglio;
— esprime un giudizio sulla sufficienza di tutte le riserve tecniche, comprese le eventuali riserve aggiuntive, appostate in bilancio.
È consentito l’impiego di formule tariffarie a premio naturale a condizione che sia data una adeguata informativa precontrattuale ed in corso di contratto, fer­mo restando il divieto di revisione delle basi tecniche. In caso di violazione del divieto il contratto è nullo.
L’impresa comunica all’ISVAP gli elementi essenziali delle basi tecniche uti­lizzate per il calcolo dei premi e delle riserve tecniche di ciascuna tariffa.

Etichette:

venerdì 31 ottobre 2008
Inserito da: Cristiano, 00.06 | Link | 0 Commenti |

Le tariffe nei rami Rc veicoli e natanti


Nella formazione delle tariffe l’impresa di assicurazione calcola distintamente i premi puri ed i caricamenti in coerenza con le proprie basi tecniche, sufficientemente ampie ed estese ad almeno cinque esercizi.

Ove tali basi non siano disponibili, l’im­presa può fare ricorso a rilevazioni statistiche di mercato.

Per i rischi che, per le loro caratteristiche, non possono essere ricondotti ad alcuna delle tariffe stabilite dall’impresa, questa può avvalersi, ai fini della conoscenza degli elementi statistici necessari per la determinazione del pre­mio puro, delle informazioni in possesso di uno opiù organismi costituiti tra le imprese esercenti l’assicurazione obbligatoria autoveicoli, i quali sono tenuti a fornire gli elementi richiesti.

Etichette:

giovedì 30 ottobre 2008
Inserito da: Cristiano, 23.50 | Link | 0 Commenti |

Norme tariffarie generali

Il Codice delle Assicurazioni stabilisce che i contratti di assicura­zione per i ciclomotori, i motocicli, le autovetture e per le altre categorie di veicoli a motore, che possono essere individuate dall’ISVAP con regolamento, debbono essere stipulati in base a condizioni di polizza che prevedano ad ogni scadenza annuale la variazione in aumento o in diminuzione del premio applicato all’atto della stipulazione o del rinnovo, in relazione al verificarsi o meno di sinistri nel corso di un certo periodo di tempo, oppure in base a clausole di franchigia che prevedano un contributo dell’ assicurato al risarcimento del dan­no o in base a formule miste fra le due tipologie.
L’individuazione delle cate­gorie di veicoli è effettuata tenendo conto delle esigenze di prevenzione.

Etichette:

mercoledì 29 ottobre 2008
Inserito da: Cristiano, 12.17 | Link | 0 Commenti |

Kredity e il confronto dei prestiti online

Kredity e il confronto dei prestiti online in mdoo veloce e sicuro
Vi segnaliamo un sito di interesse per tutti quelli che necessiatno di un prestito per l' acquisto della auto nuova e non solo.

Il sito web di Kredity offre la possibilità di confrontare in modo veloce e gratuito il prestito più adatto per l'acquisto del bene desiderato come l'auto.

Il servizio di confronto prestiti è GRATIS!

Tramite il sito web Kredity potrete quindi confrontare i prestiti seguendo questi semplici passaggi:
- simulare un prestito,
- confrontare le offerte
- richiedere il finanziamento direttamente sul sito web dell'organismo di credito.

Confronta le offerte proposte e trova rapidamente il tuo prestito online.
Confronto prestiti online

Etichette:

martedì 28 ottobre 2008
Inserito da: Admin, 18.12 | Link | 0 Commenti |

Problemi con la vostra compagnia : dove reclamare in caso di difficoltà

È importante sapere che in caso di problemi con la vostra compagnia di assicurazione esiste la possibilità di rivolgersi ad un servizio utenti o reclami.

Numerose compagnie di assicurazione mettono a disposizione questa opportunità ai propri assicurati; basta mettersi in contatto con l'ufficio preposto per averne conferma e risolvere problemi a prima vista insormontabili.

È d'obbligo ricordare che le organizzazioni a tutela dei consumatori svolgono questo compito per i propri tesserati.

Anche l'UEA, libera associazione di agenti, adempie ad uno dei suoi obiettivi primari mettendo al servizio degli assicurati la propria professionalità.

L'ANIA ha un proprio servizio reclami che agisce sollecitando le compagnie di assicurazione ad un attento e celere esame della pratica.

Infine è bene sapere che presso l'ISVAP, l'istituto di controllo e vigilanza che riguarda il settore assicurativo in Italia, opera un'apposita Divisione RC auto, reclami e tutela del consumatore.

Etichette:

sabato 25 ottobre 2008
Inserito da: Cristiano, 16.10 | Link | 0 Commenti |

Informazioni utili

Gli sono distribuiti in tutte le località cittadine e puoi trovare quello più adatto alle tue esigenze e possibilità economiche.

Ci sono hotel a Roma ideali per brevi soggiorni di lavoro con connessione internet adsl in camera, telefono e servizio fax.

Puoi alloggiare negli alberghi romani lavorando e nello stesso tempo goderti quello che questa meravigliosa città è in grado di offrire, visitando monumenti storici, piazze famose cattedrali e chiese che testimoniano la storia di Roma.
giovedì 23 ottobre 2008
Inserito da: Admin, 18.35 | Link | 0 Commenti |

Le polizze assicurative del ramo vita collocate tramite banca

Le polizze assicurative del ramo vita collocate tramite banca configurano anch’esse una forma di risparmio gestito in quanto la compagnia di assi­curazione investirà le somme incassate a titolo di premio e dai risultati della gestione del fondo dipenderà, in base a una certa percentuale di retrocessio­ne, il rendimento netto per l’assicurato.

Quest’ultimo non conosce con cer­tezza il rendimento che potrà ritrarre dall’investimento effettuato.

Infatti, nei contratti di assicurazione sulla vita a capitale differito, l’assicurazione è solita garantire al cliente, anche se la sottoscrizione è avvenuta presso una dipendenza bancaria, solo un dato tasso minimo di capitalizzazione nell’eventualità in cui il rendimento dell’investimento dei premi versati si attesti al di sotto ditale soglia.

Peraltro tale tasso tecnico, in primo luogo, è solita­mente di livello estremamente contenuto e, in secondo luogo, non è previsto per le polizze puro rischio morte in cui è la componente assicurativa, e non quella finanziaria, a essere prevalente.

Negli ultimi anni, l’offerta di polizze assicurative da parte delle banche si è tuttavia decisamente orientata verso quelle a elevato contenuto finanzia­rio, in modo tale da valorizzare la componente «investimento» della polizza stessa: la loro peculiarità consiste nel fatto che l’ammontare del capitale, o della rendita, da corrispondere a scadenza, è collegato (linked) all’andamen­to di specifici parametri finanziari.

Etichette:


Inserito da: Cristiano, 15.09 | Link | 0 Commenti |

Intermediari assicurativi - Sito segnalato

Intermediari assicurativi sito utile per gli assicuratori auto onlineAssicurazione auto online vi segnala un sito web di utilità, dedicato agli intermediari assicurativi.

Intermediari assicurativi è un portale dedicato agli intermediari assicurativi, mediatori creditizi e promotori finanziari iscritti all’ISVAP nel Registro Unico – RUI, che distribuiscono prodotti assicurativi o prodotti finanziari protetti da polizze assicurative.

Intermediariassicurativi.it offre news aggiornate quotidianamente, regolamenti, attività, comunicati, normative dall’ISVAP - Istituto per la vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo.

Inoltre propone opportunità di formazione e di aggiornamento per tutte le sezioni del RUI. Ad esempio corsi di 60 ore di formazione per coloro che devono iscriversi al RUI con rilascio dell’Attestato Formativo e di 30 ore di aggiornamento annuale per tutti gli iscritti al RUI, secondo le normative ISVAP.

Visita il sito web Intermediariassicurativi.it

Etichette:


Inserito da: Admin, 08.24 | Link | 0 Commenti |

Polizza auto furto e incendio

Tra le varie assicurazioni per l'autovettura, c'è la polizza auto relativa all'incendio ed al furto, compresi i danni che possono essere causati da eventi atmosferici come grandine, uragani, inondazioni, a prescindere dalla polizza RCA.

Si tratta di una polizza molto utile, soprattutto per chi abita in zone a rischio di inondazioni provocate sia dal mare che dall'esondazione di corsi d'acqua, laghi, bacini naturali e artificiali.

Ma non solo, la garanzia è estesa anche ai danni provocati da terremoti, frane, o caduta di oggetti come aerei o parti di essi.

La cifra minima assicurabile è di euro 5.165,00 e l'auto non deve avere più di 10 anni. La cifra massima di euro 30.987.

Etichette:

mercoledì 22 ottobre 2008
Inserito da: IME, 16.05 | Link | 0 Commenti |

Il premio assicurativo

Il premio assicurativo viene determinato utilizzando le apposite tabelle che indicano il premio dovuto per ogni rischio in funzione del massimale scelto.

A questo vanno poi aggiun­te le maggiorazioni dovute a condizioni speciali di polizza ad esempio i rischi aggiunti, come furto, incendio, calamità naturali ecc.

I premi s’intendono sempre stabiliti per ogni periodo annuale di durata del contratto ed al netto dei caricamenti e dell’imposta.

Se l’assicurazione è stipulata per un rischio temporaneo (infrannuale) di so­lito il premio è ridotto corrispondentemente ma maggiorato di 2/12.

Se l’assicurazione riguarda un rischio stagionale il premio è comunque do­vuto per intero.

Etichette:

domenica 19 ottobre 2008
Inserito da: Cristiano, 16.58 | Link | 0 Commenti |

Assicurazione Rc obbligatoria

L'obbligo di concludere un contratto di assicurazione è previsto dalla legge a carico di categorie e di soggetti individuate a causa dello svolgimento di attività particolarmente rischiose per i terzi.

L’assicurazione è obbligatoria per i danni che possono derivare dalle seguenti fonti di rischio:
— dalla circolazione di qualsiasi veicolo a motore (ad uso privato o pubblico e compresi i veicoli appartenenti allo Stato) senza guida di rotaie (compresi i filoveicoli e i rimorchi) su stmde di uso pubblico o su aree a queste equiparate;
— dalla navigazione di tutte le imbarcazioni destinate alla navigazione da diporto, con esclusione delle unità non dotate di motore;
— dalla navigazione di motoscafi e imbarcazioni di stazza lorda non superiore a venticinque tonnellate che siano muniti di motore inamovibile di potenza superiore a tre cavalli fiscali, e che siano adibiti ad uso privato, diverso dal diporto, o al servizio pubblico di trasporto di persone;

La legge tuttavia non indica chi debba provvedere all'assicurazione della responsabilità civile.

Etichette:

venerdì 17 ottobre 2008
Inserito da: Cristiano, 13.12 | Link | 0 Commenti |

La procedura rapida di risarcimento

Le modalità per tale liquidazione rapida, nel caso di sinistri con soli danni a cose, sono:
— il dainneggiato deve inviare all’assicuratore del responsabile la raccomandata con­tenente la richiesta di risarcimento e l’indicazione del codice fiscale degli aventi diritto al risarcimento e del luogo, dei giorni e delle ore in cui le cose danneggiate sono disponibili per l’ispezione diretta ad accertare l’entità del danno;
— alla raccomandata deve essere allegata la denuncia di sinistro compilata sul modulo blu;
— se il sinistro ha causato lesioni lievi (guaribili cioè entro 40 giorni) alle persone, il danneggiato deve allegare tutta la certificazione medica che consenta all’assicuratore di valutare il danno;
l’assicuratore, entro 60 giorni dal ricevimento della raccomandata, o entro 30, nel caso di constatazione amichevole, deve comunicare al danneggiato la somma offerta per il risarcimento o i motivi per cui non intende risarcir­lo.
Se il danneggiato dichiara di accettare la somma offertagli, l’impresa provvede al pagamento entro 15 giorni dalla ricezione della comunicazio­ne. Entro ugual termine l’impresa corrisponde la somma offerta al danneg­giato che abbia comunicato di non accettare l’offerta. La somma in tal modo corrisposta è imputata nella liquidazione definitiva del danno.

Etichette:

mercoledì 15 ottobre 2008
Inserito da: Cristiano, 12.48 | Link | 0 Commenti |

La tutela del danneggiato in stato di bisogno

L’articolo 147 del Codice delle Assicurazioni dispone norme a favore delle vittime di sinistri che si vengano a trovare in stato di bisogno a causa dei sinistri stessi.

In particolare, è previsto che nel corso del giudizio di primo grado, gli aventi diritto al risarcimento che, a causa del sinistro, vengano a trovarsi in stato di bisogno, possono chiedere che sia loro assegnata una somma da imputarsi nella liquidazione definitiva del danno.

Il giudice civile o penale, sentite le parti, qualora da un sommario accertamento risultino gravi elementi di responsabilità a carico del conducente, con ordinanza immediatamente esecuti­va provvede all’assegnazione di una somma, da imputarsi nella liquidazione definitiva del danno, nei limiti dei quattro quinti della presumibile entità del risarcimento che sarà liquidato con la sentenza.

Se la causa civile è sospesa ai sensi dell’art. 75, co. 3, del codice di procedura penale, l’istanza è proposta al presidente del tribunale dinanzi al quale è pendente la causa.

L'istanza può essere riproposta nel corso del giudizio. L’ordinanza è irrevoca­bile fino alla decisione del merito.

Etichette:


Inserito da: Cristiano, 12.32 | Link | 0 Commenti |

E' scontro tra Ania e associazioni dei consumatori

E' scontro tra l'ANIA (Associazione Nazionale Imprese di Assicurazione) e le associazioni dei consumatori sui dati riguardanti le tariffe Rc Auto. L'ANIA sostiene che nell’ultimo triennio il prezzo medio delle assicurazioni Rc Auto si è ridotto del 5% in termini reali e dell’11% al lordo dell’inflazione. Dati non confermati e contrastati dalle Associazioni dei Consumatori come Adiconsum, ma anche da ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private).

L’istituto presieduto da Giancarlo Giannini ha evidenziato nelle rilevazioni effettuate nello scorso mese di luglio che nel ramo danni relativo alla responsabilità civile auto si assiste a due fenomeni contrastanti: da una parte sarebbe corretto affermare che i prezzi sono in discesa, ma che tale decremento riguarderebbe soltanto i profili a rischio più basso e che i prezzi invece continuerebbero ad aumentare, a tassi superiori a quello dell’inflazione, in particolare per i giovani che risiedono nel Mezzogiorno. Quindi si creano delle evidenti disparità di trattamento, accentuate dal fatto che alcune imprese praticherebbero sconti e offerte esclusivamente a beneficio dei clienti “meno rischiosi”.

Sarà questo uno dei motivi che ha spinto anche il ministro dello sviluppo economico Claudio Scajola a ribadire durante l’audizione dello scorso 16 settembre che il Ministero eserciterà un ruolo di garanzia e di vigilanza e che «si sono evidenziati degli aumenti delle tariffe Rc Auto non in linea con la sostanziale riduzione dei costi dei risarcimenti, significativamente diminuiti anche grazie all’attuazione del sistema del risarcimento diretto».

E’ anche vero che i calcoli effettuati da ANIA e dalle associazioni dei consumatori non sono confrontabili, ma sicuramente quelli che risulteranno dall’indagine condotta da ISVAP hanno proprio la finalità di creare un’omogeneità di confronto e fare chiarezza. Il vicedirettore generale di ISVAP Flavia Mazzarella ha richiesto infatti a tutte le compagnie di partecipare a un’indagine sulle tariffe praticate al fine di conoscere l’andamento dei listini per il ramo Rc auto.

Etichette:

martedì 14 ottobre 2008
Inserito da: Cristiano, 11.01 | Link | 0 Commenti |

Rc auto: l'auto storica fa pagare meno

Toro Assicurazioni è entrata a far parte del Gruppo Generali il 4 ottobre 2006 insieme ad Augusta, Lloyd Italico e Das.

Il Gruppo Toro assicurazioni dal primo gennaio 2009 offrira' facilitazioni tariffarie agli assicurati proprietari di autoveicoli storici certificati, che si estenderanno anche ai veicoli moderni posseduti.

Toro Assicurazioni, insieme a Lloyd Italico, Augusta e DAS, assicura oggi circa 2 milioni di Clienti.

Le facilitazioni riguarderanno la RC auto e le altre coperture relative all'auto stessa.


Lo ha dichiarato il direttore del Gruppo Toro, Carlo Bellingeri, in occasione del sesto Asiautoshow, raduno nazionale di auto storiche con 215 equipaggi presenti, che si e' svolto nel nord della Sardegna con sede a Badesi Mare.

Etichette:

lunedì 13 ottobre 2008
Inserito da: Cristiano, 17.53 | Link | 0 Commenti |

RC auto: dove rivolgersi in caso di difficoltà.

Problemi con la polizza rc auto o con l'agenzia che tratta un vostro sinistro?

Bisogna sapere che esiste l'opportunità di rivolgersi ad un servizio utenti o reclami.

Molte compagnie di assicurazione offrono infatti questa opportunità agli assicurati; basta mettersi in contatto con la propria per averne conferma e risolvere casi a prima vista spinosi.

È ovvio ricordare che le organizzazioni di tutela dei consumatori svolgono questo compito per i propri associati.

Anche l'UEA, libera associazione di agenti, adempie ad uno dei suoi obiettivi primari mettendo al servizio degli assicurati la propria professionalità.

L'ANIA ha un proprio servizio reclami che agisce sollecitando le imprese di assicurazione ad un attento esame della pratica.

È bene sapere infine che presso l'ISVAP, l'istituto di controllo del settore assicurativo in Italia, opera un'apposita Divisione RC auto, reclami e tutela del consumatore.

Etichette:

venerdì 10 ottobre 2008
Inserito da: Cristiano, 12.28 | Link | 0 Commenti |

Quello che bisogna sapere sulla polizza RC auto

Tutti i veicoli a motore devono essere assicurati con la polizza RC auto.
Occorre tener presente che circolare con un veicolo non assicurato comporta il sequestro del veicolo, con una sanzione fino a euro 2.235 con l'obbligo di risarcire personalmente i danni eventualmente provocati agli altri.

Attenzione: il mancato pagamento del premio nei termini previsti contrattualmente equivale ad essere privi di assicurazione.
Con la polizza RC auto è l'assicuratore che paga agli altri (i cosiddetti terzi), i danni loro provocati dal veicolo assicurato per responsabilità del conducente, nei limiti della somma indicata in polizza (il cosiddetto massimale).
La legge prevede un limite minimo di euro 775.887 che, ad esempio in caso di danni a più persone, può risultare insufficiente; in tal caso sarete voi a dover risarcire ai terzi il danno eccedente (anche se da quest'anno i massimali sono aumentati fino a 5 milioni di euro), proprio per ovviare a questo inconveniente. Ricordati che puoi aumentare il massimale con un piccolo costo aggiuntivo.
Sappi inoltre che la polizza auto copre anche i danni subiti dai tuoi passeggeri, limitatamente a quelli fisici, nei sinistri avvenuti per responsabilità del conducente del tuo veicolo. Non copre invece quelli subiti dal conducente stesso. Ci possono però essere casi (indicati in polizza come esclusioni) in cui l'assicuratore, pur dovendo risarcire il terzo danneggiato, ha diritto di essere da te rimborsato della somma pagata. Si tratta normalmente di casi in cui la circolazione non avviene nel rispetto di alcune disposizioni di legge.

Ad esempio:
-se il conducente responsabile del sinistro è privo di valida patente;
-nel caso di danni ai passeggeri se il loro numero è superiore a quello previsto nel libretto di circolazione;
-se il conducente, al momento del sinistro, guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. Ricordati quindi di leggere attentamente le esclusioni previste dalla polizza.

Attenzione: in seguito alla liberalizzazione dei mercati e delle tariffe, sono state ampliate le formule di "personalizzazione" delle polizze, che adattano le garanzie ed il loro prezzo al tipo di veicolo, alle caratteristiche personali dell'assicurato e al numero di sinistri. Sappi, quindi, che utilizzare il veicolo a condizioni diverse da quelle concordate con l'assicuratore e riportate nel contratto oppure aver fatto dichiarazioni inesatte o incomplete, può comportare da parte tua l'obbligo di rimborsare all'assicuratore, in tutto o in parte, la somma che ha pagato a causa di un sinistro.

Etichette:

mercoledì 8 ottobre 2008
Inserito da: Cristiano, 12.41 | Link | 0 Commenti |

Il ramo assistenza

L’assicurazione di assistenza è il contratto con il quale l’impresa di assicura­zione, a fronte di un contratto perfezionato con il pagamento di un premio, si impegna a fornire all’assicurato una prestazione di immediato aiuto entro i limiti convenuti nel contratto, nel caso in cui t’assicurato stesso si trovi in una situazione di difficoltà al seguito del verificarsi di un evento fortuito.
L’aiuto può essere in denaro o in natura; in quest’ultimo caso, le prestazioni in natura possono essere fornite anche uti­lizzando personale e attrezzature di terzi.
Elemento distintivo del rapporto, che è poi rinvenibile in ogni contratto di assi­curazione, è l’aleatorietà dell’evento che genera l’esigenza di soccorso.
L’ob­bligo di adempimento per l’impresa di assicurazione sorge nel momento in cui si verifica una situazione di emergenza, di difficoltà dovuta ad un evento for­tuito e quindi imprevisto, in ogni caso non prevedibile al momento della con­clusione del contratto.
Nel corso del tempo, il ramo Assistenza ha subito profondi cambiamenti che hanno determinato un sensibile ampliamento del suo ambito operativo. Circoscritto, in origine, all’assistenza alle cose e alle persone durante i viaggi all’este­ro, è oggi esteso alla generica situazione di difficoltà in cui venga a trovarsi l'assicurato in conseguenza del verificarsi di un evento fortuito e, quindi, ricomprende le prestazioni offerte presso la residenza ed il domicilio dell’assicurato.

Etichette:

martedì 7 ottobre 2008
Inserito da: Cristiano, 15.29 | Link | 0 Commenti |

L’assicurazione per la responsabilità civile verso i terzi in particolare

L’assicurazione responsabilità civile verso terzi (R.C.T.) obbliga l’assicurato­re a tenere indenne l’assicurato di quanto questi sia tenuto a pagare a titolo di risarcimento (capitali, interesse e spese), perché civilmente responsabile, ai sensi di legge, dei danni involontariamente cagionati a terzi (come morte, le­sioni personali, danneggiamenti a cose), in conseguenza di un fatto accidentale verificatosi in relazione ai rischi per i quali è stata stipulata la polizza.
L’obbli­go dell’assicuratore si estende anche alla responsabilità civile che possa deri­vare all’ assicurato da fatto doloso di persone di cui debba rispondere.

A questi fini non sono considerati terzi:

-il coniuge, i genitori, i figli, i fratelli e qualsiasi altro parente od affine convivente con l’assicurato;
-i dipendenti dell’assicurato che subiscano danni in occasione di lavoro odi servizio;
-i soci a responsabilità illimitata, se l'assicurato è una società, e le persone che si trovino con loro nei rapporti.

Etichette:

lunedì 6 ottobre 2008
Inserito da: Cristiano, 12.49 | Link | 0 Commenti |

La copertura provvisoria

Per evitare che l’assicurato resti sfornito di tutela nel periodo necessario alla stipula del contratto la prassi conosce due istituti:
la copertura provvisoria. È una clausola aggiunta alla proposta contrat­male, in base alla quale il contratto avrà efficacia già dal momento della proposta stessa. In sostanza si stipula un contratto provvisorio, destinato ad essere sostituito dal definitivo, che avrà efficacia nel periodo che intercorre tra la proposta e l’accettazione.
La predisposizione di tale clausola non ob­bliga, comunque, alla stipula del definitivo;
nota di copertura. Viene emessa al momento dell’accettazione e quindi riguarda un contratto già concluso; ha una funzione probatoria in attesa della preparazione dei documenti definitivi.

Etichette:

sabato 4 ottobre 2008
Inserito da: Cristiano, 15.04 | Link | 0 Commenti |

E' in arrivo la scatola nera sulle autovetture?

In futuro sulle autovetture ci sarà la scatola nera?

Potrebbe essere una soluzione molto vicina di quel che sembra.

Infatti, il Ministro dei Trasporti Matteoli, il prossimo 9 ottobre chiederà in maniera informale agli altri Ministri Europei di valutare la questione.

Sarebbe una vera e propria svolta nel mondo dell’automobilismo. Questo strumento tecnologico potrebbe disincentivare gli automobilisti a infrangere il codice della strada, ma non solo.

Le assicurazioni sarebbero disposte a elargire forti sconti a chi monterebbe la scatola nera sulla propria vettura, perché di fatto ogni contenzioso sarebbe risolto.

Ma come la pensano gli automobilisti in merito?

Perché, di fatto, si parla di inserire le scatole nere sulle nostre auto, ma quando si parla di nuove infrastrutture, i politici si arrampicano sugli specchi e di manutenzione sulle nostre strade ce n’è poca, figuriamoci poi a chiederne di nuove.

Per voi quale potrebbe essere la soluzione?

Etichette:

venerdì 3 ottobre 2008
Inserito da: Cristiano, 22.37 | Link | 0 Commenti |

Assicurazione online

Qiuxa è la nuova assicurazione, auto-moto online, offerta dal gruppo AXA che permette di contenere i costi assicurativi grazie al rapporto online con l'azienda e nello stesso tempo di avere a disposizione un determinato agente che vi seguirà dalla stipula del contratto fino alla scadenza dello stesso, con cui interagire, in modo che voi possiate essere seguiti sempre dalla medesima persona.
Oltre a ciò Quixa offre molti altri vantaggi, oltre ad un ulteriore sconto del 10% se la transazione avviene proprio via web che potete scoprire andando sul sito Quixa.it.


video

Etichette:

mercoledì 1 ottobre 2008
Inserito da: Cristiano, 15.31 | Link | 0 Commenti |

Le forme di contratto assicurativo

Le varie forme contrattuali di assicurazione sono riportate da, Assicurazione Auto Online, per potervi fornire un aiuto, in modo che possiate districarvi nel complicato mondo delle polizze assicurative :
—tipico, regolato dal codice civile. Gran parte ditale normativa è derogabile solo in senso più favorevole all’assicurato;
—a forma libera; l’ art. 1888 c.c. prevede, però, la necessità della forma scritta a fini probatori;
—consensuale, in quanto si conclude con l’accordo delle parti; le parti, però, possono anche prevedere che il contratto si consideri concluso al momento del pagamento del premio;
—ad effetti obbligatori, in quanto da luogo al sorgere di obbligazioni a carico delle parti contraenti;
di durata, in quanto dà luogo al sorgere di un rapporto tra assicuratore ed assicurato che si protrae nel tempo;
—bilaterale, di norma, poiché comprende due parti, ma può anche essere plu­rilaterale nel caso della coassicurazione;
—a titolo oneroso, in quanto entrambi i contraenti agiscono allo scopo di conseguire un lucro;
—aleatorio, in quanto il realizzarsi o meno del vantaggio che le parti si pro­pongono dipende da eventi imprevedibili che sfuggono al controllo delle parti stesse;
a prestazioni corrispettive, in quanto l’assicuratore si obbliga a fornire la prestazione assicurativa dietro pagamento di un corrispettivo, detto premio.

Etichette:


Inserito da: Cristiano, 14.01 | Link | 0 Commenti |