Assicurazioni nel mirino degli automobilisti

Dal 1994, anno della liberalizzazione, le Assicurazioni sono nel mirino degli automobilisti: da allora, infatti, le Compagnie sono libere di fissare liberamente le tariffe Rc auto, col risultato che il costo delle polizze è cresciuto di brutto.
Vi riporto alcune osservazioni dell'ANIA, associazione delle compagnie di assicurazioni.
Le Rca sono calate: - 1,5% nel 2004, - 0,8% nel 2005, - 2% nei primi 9 mesi del 2007. Tale riduzione è frutto della concorrenza tra imprese, che si è esplicata attraverso la flessibilità dei prezzi e la personalizzazione dei prodotti.
Alcuni interventi realizzati negli ultimi anni (per esempio l'indennizzo diretto) vanno nella giusta direzione, ma necessitano di opportune correzioni affinché possano concretamente raggiungere gli obiettivi da tutti auspicati.
Altri interventi fondamentali, pur condivisi da tutti in linea di principio, non si traducono di fatto in azioni concretamente efficaci, nonostante la disponibilità offerta dal settore assicurativo a cooperare per la loro realizzazione anche in termini economici: è il caso degli interventi realizzabili per migliorare la sicurezza stradale e per contrastare le frodi ampiamente diffuse.
Interventi già parzialmente posti in essere non risultano completati, determinando incertezze tra gli operatori e discriminazioni tra i cittadini: è il caso della disciplina del risarcimento del danno alla persona, che
attende da oltre due anni la concreta attuazione per quanto riguarda la valutazione economica e medico-legale delle "lesioni gravi", che continuano ad essere liquidate sulla base dei più disparati orientamenti giurisprudenziali. La recente introduzione del divieto di distribuzione in esclusiva delle polizze Rc auto e altri rami danni, contrariamente agli obiettivi immaginati dal legislatore, rischia di far aumentare i costi di gestione, con ricadute negative sui prezzi dell'assicurazione. Si tratta di un divieto incomprensibile e di segno contrario alla concorrenza, in quanto si pone in contrasto con gli elementi che determinano il successo competitivo delle imprese in termini di investimenti sui prodotti e sulla loro distribuzione, nonché di affermazione del marchio commerciale.

Etichette:

domenica 11 maggio 2008
Inserito da: Cristiano, 18.08

0 Commenti:

Aggiungi un commento