Polizze a consumo, si paga solo per l'effettivo utilizzo

Torniamo a trattare le polizze a consumo siccome per ora sono quelle che garantiscono un risparmio effettivo che può superare il 30% rispetto alla Malus. L’RC auto come sappiamo è obbligatoria e va pagata sempre perché per legge la polizza si può sospendere o annullare solo se la vettura è ricoverata in un garage privato.
La prima compagnia a lanciare sul mercato questo tipo di polizza e stata SARA assicurazioni dell’Aci con la Sarafree.
Funziona così: si sceglie il periodo di tempo in cui assicurare l’auto (anche solo 15 giorni) e ogni volta che si vuole usare l’auto bisogna avvisare la compagnia che attiverà la polizza. Un’operazione semplice perché può essere attivata anche con un SMS, purché lo si invii entro le ore 22 del giorno prima. Stessa operazione da effettuare poi quando si vuole di nuovo “congelare” la copertura assicurativa.
Alla Sara ha fatto eco quasi subito la Axa che ha lanciato l’ormai famosa polizza Autometrica che si paga in funzione dei chilometri fatti durante l’anno. Chiaro che per mettersi al riparo da furbi la compagnia pretende l’installazione sull’auto di un sistema satellitare Gps che controlla gli spostamenti della macchina. Ma anche il colosso Ras è sceso in campo con “Guida su misura”. Qui c’è la possibilità di assicurare l'auto solo nei fine settimana (che cominciano il venerdì pomeriggio) o nei giorni scelti dal cliente. Con la piccola scomodità che questi giorni vanno stabiliti all’inizio, prima di stipulare il contratto. In tutti i casi con queste tre polizze il risparmio, rispetto a una polizza tradizionale è di circa il 30 per cento. Ma l’automobilista deve mettere in bilancio un maggiore attenzione nel gestire il complesso auto-polizza. Una piccola seccatura che non tutti sono disposti a sopportare.

Etichette:

sabato 3 maggio 2008
Inserito da: Cristiano, 23.07

0 Commenti:

Aggiungi un commento