Stop dell'Antitrust a Fabio Cerchiai

Il presidente dell'ANIA, Fabio Cerchiai, farà le prime richieste al governo, non appena insediatosi al parlamento. Nelle richieste il presidente ANIA chiederà di rivedere alcune decisioni normative prese dal precedente governo, prime fra tutte i cosiddetti decreti Bersani: infatti secondo Cerchiai questi decreti hanno solo fatto lievitare i prezzi.
In particolare, gli assicuratori pongono l'accento sull'opportunita' di rivedere la recente introduzione del divieto di distribuzione in esclusiva delle polizze rc auto e altri rami danni, che rischia di far aumentare i costi di gestione. Anche l'indennizzo diretto và nella giusta direzione ma necessita di opportune correzioni.
Il dossier che l'ANIA presenterà sottolinea altri temi prioritari: una maggiore flessibilita' per il sistema della previdenza integrativa, una tassazione agevolata sul risparmio, in particolare le polizze vita a lungo termine, un articolato sistema di fondi integrativi, mutue e compagnie di assicurazione da affiancare ai livelli essenziali di assistenza nella sanita' pubblica; la liberalizzazione del settore delle coperture assicurative contro gli infortuni e le malattie professionali.
Non e dello stesso parere Antonio Catricalà, presidente dell'ANTITRUST, dichiarando:Il processo di liberalizzazioni e' inarrestabile e sinceramente penso che il governo debba stare dalla parte dei cittadini e non dei poteri forti, e' giusto che le lobby si organizzino e pensino di tornare indietro nel processo di liberalizzazione ma e' altrettanto giusto che il governo e il Parlamento accelerino il processo di liberalizzazione per il bene dei cittadini e del paese.

Etichette:

martedì 6 maggio 2008
Inserito da: Cristiano, 10.40

0 Commenti:

Aggiungi un commento